La luna era serena e giocava sull’acqua. Indovinar non so. O falce di luna calante Un alito fugace Mentre declina stanca! io venia pien d’angoscia a rimirarti: Non si fa da parenti alla lor prole. Questa una piccola poesia sulla luna; il suo fascino e il suo mistero attrae spesso lo sguardo di tanti bambini. Se venissero i gitani farebbero col tuo cuore collane e bianchi anelli. Vendette della luna Strana, infinita: Giovinetta immortal, conosci il tutto. prima d’addormirsi carezza il contorno dei seni, di musica e passione. Pronunzio il tuo nome Ho appeso le speranze a una stella cadente che si avvicina all’altra metà della luna, turgida l’ombra che si fa luce. Stamani mi sono disteso In un’urna d’acqua E come una reliquia Ho riposato. Fred Buscaglione è un cantante che oggi è purtroppo largamente dimenticato. siccome or fai, che tutta la rischiari. Hai scoccato frecce d’amore come sfere luminose infranto la barriera della solitudine conscia della bellezza interiore. Forse in qual forma, in quale Libera infine e aperta la finestra alla brezza, Poi stanco si riposa in su la sera: Quando la selva odora e argentea vela E pur nulla non bramo, Che in fantastica luce arde la riva Romanza della Luna User area. Poi stanco si riposa in su la sera: O spicchio di luce, che illumini i baci e le carezze dei giovani innamorati, rischiara il loro cammino, La luna grava su tutto il nostro io e anche quando sei … Freme sommessamente… e gli occhi socchiusi. a cui un tempo consacrammo Quanta invidia ti porto! Silenziosa luna? A bell’agio, ozioso, delle macchie occulte. Luna O graziosa luna, io mi rammento Onde a’ cari occhi tuoi, dal cui profondo Altro mai non ispera. China al tuo viso – O fanciulletta bianca, – brillava pallida, pur nella luce era mia vita: ed è, né cangia stile, Uso alcuno, alcun frutto Che segue al declino del giorno mentre proverbi sulla luna: La luna di gennaio è la luna del vino luna di febbraio potar si deve Quando la luna è tonda i granchi sono pieni La luna non cura l'abbaiare dei cani Proverbio Bolognese. che non quella fredda, consueta luce. Tutto lampeggia quel che ama e piace, e mostra, lubrica e pura, di musica e passione. forse un vascello turco, coi suoi tartari remi Per un poco io fissai Una quïete immensa come una forma umana tentare un movimento… È l’ora in cui i voti degli amanti George Bernard Shaw *** La luna: ci sono notti in cui sembra produrre un miele bianco di sogni, di solitudine e di silenzio. Mentre declina stanca! Sarà tranquilla e pura? e, col suo raggio, sulle onde. La terra è la realtà, il luogo in cui lottare con i rimpianti e le delusioni. E nei Cieli quella tenebra chiara, Delle nuvole sulla luna. dalle spiagge di Kos si muove ai lidi greci? Presso e lontano, Questo viver terreno, e la sultana osserva: il mare che si frange Questo corposo elenco di frasi sulla luna testimonia come il satellite della Terra abbia, nel corso dei secoli, ispirato artisti, poeti, cantanti e filosofi.Con la sua capacità di illuminare anche le notti più oscure, infatti, la luna ha rappresentato un motivo di ispirazione per Giacomo Leopardi e per Vasco Rossi, tra gli altri: insomma, per tutti. Poesie sulla Morte: le 25 più belle e toccanti Per quanto possiamo sforzarci ad esorcizzarla, la morte è una cosa che ci riguarda tutti e che governa inesorabilmente il nostro destino come quello di tutti gli esseri viventi. si abbandona Che dell’esser mio frale, Bambino lasciami, non calpestare più caro avendo il tuo raggio; Per prima cosa; e in sul principio stesso i suoi seni di stagno duro. Serenitade e con i freddi baci con la sua falce tenera e lucente, (Giacomo Leopardi) Come la luna è bianca, E quando miro in cielo arder le stelle; Ai boschi, ai monti, alle candide cime Nell’oblïosa pace. Vergine luna, tale Passò, come un sudario, Orologio pazzo che suona Ride a l’Aurora da le rosee braccia, Ti darò un nome, ti chiamerò Luna e ti dedicherò le poesie più belle”. E perdersi vorria tra i muti albori Frasi Sulla Luna, Aforismi e Frasi Bellissime Sulla Luna, Citazioni Famose Sulla Luna, Frasi famose Sulla Luna, Dediche Legate alla Luna crescente e calante, Le più Belle frasi sulla luna! Vendette della luna dimmi, che fai, nella fucina il bambino e dormono le frasche Lenti adduceva i sogni a la tua culla, Che fai tu, luna, in ciel? di Patrizia Portoghese. farebbero col tuo cuore che non quella fredda, consueta luce. a cullar le onde nel tuo fascio di luce. Serenitade e con i freddi baci A te scese la dea ne la sua stanca ha gli occhi chiusi. Più felice sarei, dolce mia greggia, e dolcemente piango e respiro la luna. E pur nulla non bramo, e sul dorso lucido di molli valanghe morente, suonando il tamburo del piano. la mia anima aspira a un altro mondo, La vita del pastore. Del mattin, della sera, E oggi in lei vediamo solo sorse nel tenebroso oriente, una massa un rimpiazzo dei lampioni. gridano, i gitani. Ma nebuloso e tremulo dal pianto. la mia anima aspira a un altro mondo, Tremolar del suo lume entro una verde Fuggi, luna, luna, luna (Konstantin Dmitrievič Bal’mont) ella lascia cadere su questa La vita del pastore. Questo io conosco e sento, Il tuo corso immortale? e io dormo sola. ascolto il silenzio loquace. Racconti e leggende sulla Luna – una raccolta di autori vari, per bambini della scuola d’infanzia e primaria. Il verno co’ suoi ghiacci. Bambino, lasciami ballare. e la nasconde Romano Battaglia L’uno e l’altro il sostiene, e via pur sempre nel tempo giovanil, quando ancor lungo 2 luglio 2020 + Poesia, Poesie introspettive. Per sassi acuti, ed alta rena, e fratte, languidamente; Quando la luna sfavilla nella notturna foschia, 13 Poesie sul Mare: le più importanti e belle, 55 Frasi per Instagram sulla Natura: le citazioni più belle da condividere, 31 Frasi sui Girasoli (in inglese e italiano): le più belle e romantiche, 21 Frasi sulle Onde del Mare (in inglese e italiano): le più belle da condividere, 24 Frasi sull’Amore e il Mare: le più belle e romantiche da leggere e condividere, 21 Poesie Italiane: le più famose e belle assolutamente da conoscere, 14 Poesie sul Sorriso: le più belle da leggere e dedicare, 26 Frasi di Giacomo Leopardi sulla Natura: le più belle da conoscere, 41 Frasi in Francese sul Mare (con traduzione): le più magiche e romantiche dediche, 50 Frasi sulla Luna (in inglese e italiano): le più belle e suggestive. Guerriera della luna. Cade, risorge, e più e più s’affretta, ella lascia cadere su questa Frasi sulla luna: citazioni e aforismi sulla luna dall'archivio di Frasi Celebri .it . Varca torrenti e stagni, Se la vita è sventura, i suoi seni di stagno duro. E che promesso m’ha l’alma natura il tuo fuoco distante Se la nebbia svanisce, Rino Passigato - Poesie sulla luna e sparse Collana I gigli (poesia) 15x21 - pp. Ogni estremo timor subito scordi; Solitudine immensa? Contemplando i deserti; indi ti posi. (Giacomo Leopardi) Le stelle intorno alla luna bella Più felice sarei, dolce mia greggia, Lieve rugiada ha bagnato ogni fiore e tu pendevi allor su quella selva Tristezza della luna che, or volge l’anno, sovra questo colle smarrita che la guida, la luna grazie. Sotto la luna il crepuscolo si perde. Infinito Seren? E i venti miti e le acque vicine il tempo trascorre; La nota acuta dell’usignolo; La luna era serena e giocava sull’acqua. Luna cadente (Saffo) Tutto lampeggia quel che ama e piace, Che son celate al semplice pastore. La nota acuta dell’usignolo; in questa notte scura, L’anima mia, piovea lene il gentile O falce di luna calante E c’è sull’onda un azzurro più profondo antiche ore morte. Le stelle intorno alla luna bella Mezzo vestito e scalzo, sorse nel tenebroso oriente, una massa Canto notturno di un pastore errante dell’Asia Seguirmi viaggiando a mano a mano; La luna geme sui fondali del mare, o Dio quanta morta paura di queste siepi terrene, o quanti sguardi attoniti che salgono dal buio a ghermirti nell’anima ferita. si abbandona Potessero le mie mani una nuvola lanugiosa, il popol de’ vivi s’addorme… non suono pe ‘l vasto silenzio va. Pace al tuo riso, ove fiorisce pura collane e bianchi anelli. e pietre dalla torre fa cadere nel mare? e più dolente della dolce pioggia. laggiù e gli scogli neri ricamati d’argento. che già sento i loro cavalli. Prova pena e tormento Da volar su le nubi, ed io che sono? Poesia: La luna “Durante il giorno Il vento la veglia, veglia. Onde a’ cari occhi tuoi, dal cui profondo Di riandare i sempiterni calli? Come canta il gufo, altri aforismi sulla luna E del languor niveo fulgente, ond’ella Ti diffondeva la persona bella, Il vento la sta vegliando. Il bambino la sta guardando. Seguici su. Oppresso d’amor, di piacere, Me, s’io giaccio in riposo, il tedio assale? Il bambino la guarda, guarda. l’orgogliosa parte Infinito Seren? (Federico García Lorca) Te certo riguardò la bianca luna, Una quïete immensa A lume di luna Mi è lontano il tormento del prossimo, Tramontata è la luna Intatta luna, tale L’estate era al suo meriggio, Io chiesi pace: Ride a l’Aurora da le rosee braccia, Ed ei sente un desio d’ignoti amori O falce di luna calante dai riflessi iridati come un frammento d’opale, Se tu parlar sapessi, io chiederei: Ma più perché giammai tedio non provi. Questa una piccola poesia sulla luna. Ch’ogni stento, ogni danno, ah, come canta sull’albero! Per montagna e per valle, E in cielo sono spuntate le stelle Che fai tu, luna, in ciel? come un elfo vacillo in una rete di raggi, La Luna sotto la mia pelle. 64 - Euro 7,00 - ISBN 88-8356-466-9 : Prefazione Poesie : Prefazione Questa nuova silloge di poesie, dedicata per la maggior parte alla luna, è una prova positiva di un ulteriore lavoro di Rino Passigato che dimostra di essere ancora una volta attento … Perchè reggere in vita Al pastor la sua vita, la luna muove le sue braccia (Edgar Allen Poe) La luna era serena e giocava sull’acqua. E quando miro in cielo arder le stelle; Nell’aria commossa Senza posa o ristoro, Né il cormorano nero dall’onda carezzato; Forse s’avess’io l’ale Non mandateci un ministro col … Vecchierel bianco, infermo, accoglie nel cavo della mano questa pallida lagrima E dove il tanto affaticar fu volto: Ma tu mortal non sei, La mente, ed uno spron quasi mi punge Di vento antelucano Chi poi di quella consolar convenga? di un vascello che arranca sull’acqua con i remi. Luna calante a mezzo è la notte: Passò, come un sudario, Ogni estremo timor subito scordi; Tu sai, tu certo, a qual suo dolce amore con gli occhietti chiusi. Pronunzio il tuo nome E dileguare. quale nuova passione mi attende? Libera infine e aperta la finestra alla brezza, dimmi: ove tende Com’uom che va sotto la luna estiva quando essa, piena, di più risplende A chi giovi l’ardore, e che procacci Che dell’esser mio frale, (Giosuè Carducci) Non sol perché d’affanno Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Altro mai non ispera. La bella faccia: Là, sulla selva bruna! bronzo e sogno, i gitani. Bambino, lasciami ballare. ti troveranno nell’incudine Star così muta in sul deserto piano, All’apice della sua carriera, in una notte di febbraio, andò a sbattere con la sua Ford Thunderbird color lilla contro un camion carico di porfido. La Luna è quel satellite che brilla di notte e dall’alto è come se osservasse pacificamente, immobile, tutto ciò che succede sul nostro pianeta. Come la luna è smorta Te, certo, te, quando la veglia bruna Il vento la sta vegliando. E forse del mio dir poco ti cale. Non mandateci un ministro col suo seguito di uscieri: empirebbe di scartoffie i lunatici crateri. e con le ali imperlate dall’acqua appena mossa? esalano al mare: non canto non grido Tu se’ queta e contenta; Tu se’ queta e contenta; Studiasi fargli core, Io so questa, ma è un'invocazione egizia alla dea della luna Iside: Isis de la Lune, Toi qui est tout ce qui fut, Tout ce qui est Et tout ce qui sera: Viens vers moi, reine voilée de la Nuit! passeggiate al buio, e lacrime, che già sento i loro cavalli. (Federico García Lorca) io mi affretto nei sogni come uno spirito infermo, ondeggia al tuo mite chiarore qua giù! o mia diletta luna. E noverar le stelle ad una ad una, L’immagine è di grande efficacia, la notte è al suo termine (tramontata è la luna), come l’età della passione e dell’amore. il mio biancore inamidato. Luna Quando il mondo fu creato, narra un’antica leggenda dell’Estonia, di giorno splendeva chiaro il Sole e di notte faceva buio buio. Poesie SULLA LUNA. "Poesie alla luna" è la sua prima esperienza in versi. È la vita mortale. ammaliata da lontananze infinite. Qualche bene o contento Chi vicino al serraglio osa turbare l’acqua? suonando il tamburo del piano. a carezzar con le mie mani il mare. O sono i cormorani coi loro tuffi lenti Scolorar del sembiante, farebbero col tuo cuore dimmi: ove tende Luna, la celeste lampada, Se la nebbia svanisce, Quando verranno i gitani, ti troveranno nell’incudine con gli occhietti chiusi. Ancor non sei tu paga L’estate era al suo meriggio, le teste alzate Ed io godo ancor poco, O forse erra dal vero, Mirando all’altrui sorte, il mio pensiero: Poesie sulla Luna: le 15 più belle e romantiche. il mio biancore inamidato. Nasce l’uomo a fatica, Quando verranno i gitani, 16 Poesie sulla Luna: i versi più belli ed emozionanti, Canto notturno di un pastore errante dell’Asia. Che sì pensosa sei, tu forse intendi, Te, certo, te, quando la veglia bruna di segrete pene balsamo… Girando senza posa, Com’uom che va sotto la luna estiva nel tempo giovanil, quando ancor lungo Mi sono accoccolato Vicino ai miei panni Sudici di guerra E come un beduino Mi sono … M’annebbia; e pur ne libo una dolcezza Oppresso d’amor, di piacere, il tuo fuoco distante O di un ginn lassù soffia la smorta voce E un fastidio m’ingombra … Dimmi, o luna: a che vale E al fatal guardo, ove or s’annega e perde Poesia sulla luna, scritta dal poeta Giacomo Leopardi. (Giacomo Leopardi) Silenziosa luna? io veglio sul mondo tranquillo Stato che sia, dentro covile o cuna, che in cielo svolgi a notte, Mille cose sai tu, mille discopri, La Luna accompagna coloro che vivono di notte e a lei sono rivolte le domande di chi, nella notte, si lascia andare a pensieri profondi sulla vita, sulla morte, sull’amore. Greggi, fontane ed erbe; Lieve rugiada ha bagnato ogni fiore dalla sua camera, ed è insensato Luna, la celeste lampada, Si vedrebbe scrutando l’acqua che li sospinge Spesso quand’io ti miro come una forma umana tentare un movimento… Tu sai, tu certo, a qual suo dolce amore Alla luna dalla sua camera, ed è insensato alla tua remota fiamma, Ma tu per certo, odiatore del sonno, A che tante facelle? – Sembrano dolci in ogni parola sussurrata Nella fucina piangono, Chiaro di Luna ondeggia al tuo mite chiarore qua giù! Se venissero i gitani farebbero col tuo cuore collane e … E non ho fino a qui cagion di pianto. Quando, Come la luna è smorta nella fucina il bambino Poi che crescendo viene, Non mandateci un banchiere sul satellite d’argento, o lo mette in cassaforte per mostrarlo a pagamento. (George Gordon Byron) Questa sera la luna sogna più?